Intervista al filosofo e scrittore Guido Giacomo Gattai: “Trovare la calma nella tempesta”

Spoiler: non parleremo di ovvietà.

Se c’è qualcosa che contraddistingue questo blog e questa pagina sono le storie, i personaggi che amiamo raccontare ai nostri lettori, con la speranza che in ognuno di loro, voi possiate in qualche modo ritrovarvi, o magari trarre ispirazione. Quella di oggi è un’intervista a noi cara, fatta ad un personaggio veramente straordinario: Guido Giacomo Gattai. Non vogliamo anticiparvi nulla, quindi, buona scoperta, buona lettura!

S.Liggeri: Guido Giacomo Gattai, ci parli brevemente di te?

Guido G.Gattai: Ciao Salvo, è sempre un piacere scambiare quattro chiacchiere con te. Che dire? Ho iniziato a fare filosofia da bambino con mio nonno, che insegnava filosofia all’università di Siena, poi la passione non ha fatto che crescere e quindi mi sono impegnato per migliorare le mie conoscenze nel settore. Mi sono laureato in filosofia a Firenze, poi ho fatto una master in filosofia orientale e comparativa a Rimini, poi un master in filosofia pratica a Parigi e dal 2013 ricevo sia nel mio studio di Firenze che online come consulente filosofico. Dal 2006 al 2019 ho fondato e diretto il FilosoFestival, festival della filosofia di Firenze, che mi ha dato l’occasione di conoscere molti grandi nomi della filosofia italiana e internazionale e di collaborarci in varie forme.

S.Liggeri: Tra le varie attività che svolgi, sicuramente una delle più importanti è la consulenza filosofica. Di cosa si tratta?

Guido G.Gattai: Alcuni credono che per venire in studio da noi si debba aver studiato filosofia ma è tanto falso quanto lo sarebbe credere di dover studiare medicina per andare dal medico oppure essere un esperto meccanico per andare a farsi riparare la macchina. Se hai letto i dialoghi socratici di Platone sai come lavoriamo, all’incirca: il filosofo pratico usa la maieutica (l’arte della levatrice, intesa come levatrice intellettuale) per far sì che sia il cliente stesso a dire a sé stesso quello che in fondo sa già. Attraverso l’uso della logica linguistica velocizziamo il processo di cambiamento. Di solito quello che un cliente capisce da noi in consulenza lo avrebbe potuto anche capire da solo, ma gli ci sarebbero voluti mesi oppure anni invece che ore.

S.Liggeri: Ti occupi anche di social, e hai curato le immagini di persone anche di alto spicco: cosa ne pensi oggi dell’evoluzione dei social network?

Guido G.Gattai: Per un paio di anni ho lavorato come gestore di social media, ma ho quasi completamente abbandonato, conservando solo la gestione volontaria e senza scopo di lucro della pagina dedicata a Tiziano Terzani. Penso che i social siano, come tutte le cose umane, una meravigliosa idea finita in tragedia. Si trova sempre in pochi anni qualcuno che riesce a far diventare un incubo il sogno. È un vero peccato. Oggi la vita vera può esistere soltanto fuori dai social media. Il tempo che viviamo davanti ad uno schermo è tempo utile, a volte utilissimo, ma la maggior parte delle volte è tempo morto, tempo gettato senza neppure particolare piacere. La gioia di vivere è fuori dagli schermi.

S.Liggeri: “Trovare la calma nella tempesta”, il tuo nuovo libro, uno tra i più interessanti del 2022, a parer nostro. Ce ne parli?

Guido G.Gattai: Come spesso accade, i miei libri nascono dal mio lavoro. E dalla mia esperienza umana, si capisce. Il mio ultimo libro, il sesto, parla di quella che chiamo “depressione”. Ma non uso questo termine in senso clinico, lo uso come si usa al bar con gli amici: “Come sta Roberto?” “Ah, guarda, dopo la scomparsa di Maria è proprio depresso”. Il dolore intellettuale od emotivo insomma. Quello per cui si perde il senso della vita oppure se ne perde il piacere. Ho avuto rapporti personali pluriennali con questo genere di dolore, come a molti accade soprattutto in questo periodo storico. Il problema non è tanto il “trovare la calma”, che potrebbe essere anche facile se le cause del dolore fossero estinte, ma “trovare la calma nella tempesta”, perché la tempesta è la vita stessa e non finisce mai.

S.Liggeri: Qual è il messaggio che vuole trasmettere questo libro?

Guido G.Gattai: Quello che cerco di fare è passare attraverso strade molto diverse dal solito e molto meno battute per trovare una soluzione il più reale e durevole possibile al problema. I soliti “andrà tutto bene” e “ne uscirai” non funzionano altro che con i bambini. Gli adulti sanno benissimo che non esiste alcuna garanzia né che “andrà tutto bene” né che se ne possa “uscire”. Soprattutto una cosa: cercare di far leva sulla speranza di un depresso è come acchiappare un coniglio per le ali: non ce l’ha. Il depresso è spaventato, spesso terrorizzato dalla vita, oppure non ci crede più. Allora cerco di far lavorare a suo favore la sua paura e la sua indifferenza. Ne ha in abbondanza, e se ben sfruttate possono fare miracoli. Miracoli che durano nel tempo.

S.Liggeri: Dove possiamo acquistarlo?

Guido G.Gattai: Il libro è una nuova avventura in due sensi, da un lato è il primo libro che pubblico dopo più di due anni di silenzio, quindi segna un po’ un “ritorno alla penna” e poi è un libro pubblicato utilizzando un servizio di self publishing. È la prima volta che provo a lavorare così, sono stato per anni legato all’editore Porto Seguro che ringrazio molto per l’ottima collaborazione ma ho pensato di provare questa strada nuova visto che molti nomi anche di spicco della cultura italiana e non solo ormai vi fanno ricorso per velocizzare le pubblicazioni ed avere un controllo più diretto sui contenuti. Non so come andrà queste nuova avventura, ma fa sempre piacere provare qualcosa di nuovo. Si può acquistare online oppure scrivendomi in privato se ne può avere una copia autografata.

Piaciuto l’articolo?

Condividilo con i tuoi amici!

E se vuoi ordinare una copia autografata da Guido, puoi contattarlo e seguirlo direttamente su instagram a questo link: https://www.instagram.com/guidogiacomogattai/

Se vuoi acquistare una copia del suo libro su amazon, puoi farlo qui: https://www.amazon.it/TROVARE-CALMA-TEMPESTA-Giacomo-Gattai/dp/B0B7QT6TV3/ref=asc_df_B0B7QT6TV3/?tag=googshopit-21&linkCode=df0&hvadid=610900421232&hvpos=&hvnetw=g&hvrand=8434575856401268742&hvpone=&hvptwo=&hvqmt=&hvdev=c&hvdvcmdl=&hvlocint=&hvlocphy=20566&hvtargid=pla-1720148088209&psc=1

Pubblicato da Salvatore Liggeri

29 anni, scrittore, viaggiatore perenne. Amo i boschi, le montagne e la libertà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: