Intervista allo scrittore Franco Merlino: “Vi presento il mio fantasy”

Cari lettori di poetiestinti.com, quest’oggi abbiamo il piacere d’intervistare uno scrittore molto interessante, il quale ha avuto la capacità di realizzare un mondo (oseremo dire alquanto distopico), accompagnato da una trama fantasy avvincente ed emozionante.

Stiamo parlando dello scrittore Franco Merlino e qui di seguito, potete leggere l’intervista integrale riportata per filo e per segno, così come scritta dallo stesso autore.

Buona lettura!

poetiestinti.com: Franco Merlino, autore. Ci racconti un po’ di te?

F.Merlino: “Sono nato a Milano il 27 luglio del 1980. Ho sempre vissuto in un paesino di campagna di pochi abitanti e i miei sono originari di Firenze e di Milano. Forse le persone vorrebbero più conoscermi dal punto di vista della scrittura, ma per questo c’è la domanda successiva, per cui, a questa, visto che la domanda è “Ci racconti un po’ di te?”, allora vi racconterò un po’ di me in maniera più intima:- ho fatto l’asilo in un bella struttura contestualizzata in un bel paesino tranquillo tranquillo di campagna, immerso nella pace e circondato dalle campagne (casa mia affacciava per un intero lato proprio su di un terreno agricolo – mais o risaie a seconda del periodo; lucciole creavano l’atmosfera serale/notturna estiva; un pavone cantava ad ogni tramonto nel cortile della villa immersa nel paesaggio di sfondo che appariva dalla finestrella della camera mia e di mia sorella). All’asilo già ero innamorato (2 furono le cotte che mi girarono per un bel po’ nella testa). Chi badava a noi erano la suora Madre (la più anziana e severa) e la suora Angela (più giovane e buona) (apro un’altra parentesi perché col tempo mi son sempre domandato come mai ci fu questa corrispondenza tra i loro nomi ed il loro essere).- del periodo delle elementari ho tantissimi ricordi:  – altra cotta (mi piaceva tantissimo, ma non trovai mai il coraggio di farmi avanti)  – un giubbotto in particolare (tipo bomber, tutto rosso) con una sorta di “bandiera giapponese” sulla schiena, mi colpì  – un paio di scarpe molto colorate (su base bianca) sportive mi conquistarono e poi… tante tante altre cose riaffiorano ripensando a quegli anni:
  – bim bum bam; Uan e Four; Bonolis; Licia; i cartoni animati giapponesi; la mia tata (quella più anziana che riempiva me e mia sorella di bombi) e le due più giovani (anche molto carine); la prima volta che provai a giocare a pallone in una squadra di calcio (esperienza negativa conclusa con l’abbandono a causa di uno scherzo idiota fattomi dai primi giorni da compagni idioti); Babbo Natale che passò per quell’anno tra le strade del paese innevate (se non ricordo male fu proprio l’inverno della famosa nevicata dell’85) a portare regali e carbone; le serate felici sul divano con mia sorella e i miei a guardare il drive in o altri film o trasmissioni televisive;- medie:
  – seconda e terza cotta (una “interna” – compagna di classe – e una “esterna” – figlia di amici di famiglia)  – l’album degli Sgorbions (che sfogliava sempre la “cotta esterna” mentre io le stavo seduto in braccio)  – l’affascinante mondo dell’astronomia (mia sorella ogni due per tre ne parlava)  – il nuoto (sport che ho praticato per diversi anni e al quale agonismo rinunciai solo per stare assieme ai miei compagni di vasca più scarsi di me – e comunque ogni due per tre avevo l’otite causa acqua nell’orecchio)  – il pattinaggio sul ghiaccio (sport dove imparai più velocemente degli altri ma che abbandonai perché ogni due per tre mi ammalavo – freddo assurdo in pista)  – i giochi della gioventù (ai quali ci avvicinò la nostra bellissima insegnante di educazione fisica)  – la terza cotta sempre “interna” arrivata a fine anno
  – Il saggio di fine anno (stupendo per le varie canzoni cantate come protagonista sul palco e disastroso per la presa in atto che la terza cotta era ormai “proprietà” del bullo della classe)  – le feste dell‘AVIS (di sera) di paese con musica e un sacco di persone (giovani e meno giovani) lì al campo sportivo a divertirsi tutti insieme (e io ovviamente sempre incantato dalle bambine ormai più ragazzine)Beh dai… un po’ vi ho raccontato di me… magari dalle superiori in là vi racconterò in una prossima “eventuale” (se mai ci sarà)… nuova intervista”.

F.Merlino (sinistra) con una lettrice

poetiestinti.com: Com’è nata la passione per la scrittura?

F.Merlino: “La passione per la scrittura fondamentalmente mi è nata con l’arrivo dei social: man mano ho trovato sempre più piacevole scrivere post… e scriverli bene. Tuttavia, fin da piccolo praticamente gli unici “libri” che leggevo erano i fumetti. Era più mia sorella l’accanita lettrice che spesso mi prendeva in giro dicendomi “Leggi!!! Leggi!!!”, ma io non lessi mai (a parte qualche libro di Stephen King, per i quali anche mia sorella andava matta, e qualche altro tipo “Un giorno in più” di Fabio Volo, “Congo“, “Il gabbiano Johnatan“, “Il Corridore“. “I ragazzi della via Pal“, “Il triangolo delle Bermuda” e pochi altri).Tre anni fa, durante una girata per il mio paese con la macchina (era piena estate e faceva un caldo tremendo), mi arrivò l’ispirazione. Un’idea che valutai e rivalutai se potesse essere veramente degna di essere sviluppata (mesi prima provai a scrivere già un libro ma la trama che sapeva di “già scritto” mi fece abbandonare il progetto). La trama risultò convincente. Scrissi, portandolo a termine, il mio primo libro. Mia sorella non portò mai a termine il suo.

poetiestinti.com: Abbiamo letto con piacere il tuo libro: “23°- e se il mondo cambiasse?” e devo dire che siamo rimasti sbalorditi, dalla realtà distopica che sei riuscito a creare. Ci racconti brevemente qualcosa?

La copertina del libro

F.Merlino:Ventitré gradi è una straordinaria avventura che vuole catapultare il lettore da un emisfero all’altro del nostro pianeta. E’ un fantascienza scritto davvero bene che sviluppa una trama la quale tratta un argomento che prima non era ancora stato messo in scena: lo spostamento dell’asse terrestre. Tutto ciò avrà ripercussioni sul clima e sulla geologia della Terra. I protagonisti principali sono tre giovani adolescenti, ma in realtà poi durante la narrazione prendono vita altri personaggi e a tratti anche intere popolazioni sono al centro dell’attenzione. L’avventura parte dall’idroscalo di Milano, durante un pomeriggio d’estate…e si sposta poi in Antartide (presso la base scientifica Amundsen Scott), in Africa (presso il villaggio di Opala), in Europa (in varie città) e anche in Italia, precisamente a Milano e Venezia.
E’ un fantascienza credibile basato su ricerche scientifiche, geologiche e astronomiche, ma mai noioso.
Le risposte ad alcune domande come “Quale sarà il destino della nostra Terra?”, “Quale sarà la sorte dei personaggi protagonisti e comunque delle popolazioni del mondo?”… “Cosa determinò lo spostamento dell’asse terrestre?” vengono lasciate alla fine.

poetiestinti.com: Dove possiamo acquistarlo?

F.Merlino: “Ventitré Gradi è disponibile in tutti i bookstore digitali e in tutte le librerie (su ordinazione se non già esposto). Consiglio sempre le librerie per avere così la scusa di farsi una bella passeggiata e magari poi leggersi il libro gustando un buon gelato”.

poetiestinti.com: Progetti futuri?

F.Merlino: “C’è già un altro libro pronto per la pubblicazione (ho già il contratto in mano, sto semplicemente effettuando le ultime correzioni prima di firmare). Stavolta un fantasy. Anche in questo caso la trama mi ha convinto… mi ha suggerito “Niente di già scritto!! Puoi andare tranquillo!!”.
La Storia Mai Scritta presto uscirà sotto Porto Seguro Editore e racconta una storia, dentro la storia, dentro la storia. La prima storia ambientata in Trentino Alto Adige; la seconda a Firenze ed infine la terza a Londra. Una di queste tre storie racconta il Paese Delle Ombre (l’ombra di Peter Pan era approdata all’Isola che non c’è, ma nessuno sapeva che in realtà anch’essa aveva un proprio mondo a lei destinato). Il Paese Delle Ombre è un Mondo davvero magico, descritto in maniera altrettanto magica. Il Paese Delle Ombre è solo un racconto… che il personaggio “leggenda” raccontato dalla mamma ai propri due figli in Trentino Alto Adige ha scritto secoli prima.
Presto sarà disponibile a tutti.

poetiestinti.com: Grazie Franco e in bocca al lupo!

F.Merlino: Grazie a voi!

Piaciuto l’articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Pubblicato da Salvatore Liggeri

29 anni, scrittore, viaggiatore perenne. Amo i boschi, le montagne e la libertà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: